Notaio a Milano per l’abitazione

State comprando casa e dovete trovare un notaio a Milano per le diverse pratiche che portano al rogito e, quindi, all’effettivo possesso dell’abitazione: il quadro sembra essere chiaro e senza ombre, ma siete sicuri di sapere davvero quando iniziare a cercare il vostro notaio e come scegliere tra i tanti studi notarili che operano a Milano? Forse, una volta che si inizia a riflettere sulla questione, il quadro potrebbe iniziare a sembrarci meno chiaro di quel che pensavate.

Ma vediamo insieme quali sono i diversi passaggi per comprare casa: diventerà molto più semplice comprendere anche il perché i tempi potrebbero essere diversi da quelli che ci aspettavamo.

La questione è dunque: state comprando casa e dovete trovare un notaio a Milano per completare l’acquisto, vi dovete mettere alla ricerca dello studio appena decidete di acquistare, non appena mettete gli occhi sull’abitazione che fa per voi o quando ormai tutto è definito e manca solo il rogito finale? Molti di voi sarebbero probabilmente tentati di rispondere con l’ultima opzione: scelgo la casa, cerco l’eventuale mutuo per poterla acquistare, firmo preliminare di vendita e verso la caparra, quindi vado dal notaio per rogitare e la casa è mia. In realtà la risposta più corretta sarebbe un’altra: bisognerebbe andare dal notaio prima di firmare qualsiasi impegno ad acquistare e prima di versare qualsiasi caparra.

Comprare casa e trovare notaio a Milano: l’iter

L’iter migliore sarebbe dunque: cercare casa e, una volta trovata quella che fa per voi, farsi dare dal venditore tutti i documenti necessari e rivolgersi a un notaio a Milano (ecco perché è bene che sia in città, dunque anche comodo da raggiungere, poiché il rapporto è molto più stretto e continuativo di quanto potevamo pensare) perché faccia tutte le verifiche del caso accertandosi che non vi siano motivi ostativi alla vendita, quindi procedere con la firma di eventuali contratti (anche questi sarebbe bene sottoporli all’attenzione del notaio) e con il versamento di caparre o altro, per poi giungere in tutta tranquillità alla firma del rogito.

Ricordiamoci infatti che il notaio dovrà comunque procedere a verificare che l’abitazione in questione sia formalmente in regola: non è possibile ad esempio vendere o acquistare una casa sulla quale siano stati fatti lavori abusivi, siano essi anche parziali, così come non si può procedere al rogito se l’immobile non è correttamente accatastato. Inoltre dalle verifiche notarili potrebbe emergere che vi sono ipoteche, diritti di terzi, vincoli o altre condizioni che limitino la disponibilità e/o il valore dell’abitazione e di cui non eravate a conoscenza.

È evidente che, se queste verifiche vengono fatte dopo aver firmato un impegno all’acquisto e versato una caparra, potrebbero nascere dei problemi: i tempi potrebbero allungarsi o la vendita della casa potrebbe risultare addirittura impossibile, con evidenti ripercussioni sul compratore, che dovrà operarsi per annullare il contratto e riavere indietro quanto versato.

Si tratta di eventualità che purtroppo di verificano più spesso di quanto si pensi: dunque quando trovate casa, cercate un notaio a Milano (in città c’è solo l’imbarazzo della scelta!) con cui vi troviate bene e mettetevi subito all’opera. Ne guadagnerete in tranquillità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *